Comuni in collina: Mornese

Mornese è un paese di quasi 800 abitanti nell’area dell’Alto Monferrato, in Piemonte. Precisamente si trova tra la Val Lemme e la valle del Gorzente.
Il paese fu feudo dei Rosso della Volta, la famiglia che fece erigere l’imponente castello. Con il tempo, passò poi sotto il dominio dei Marchesi del Monferrato che lo concessero in feudo ai Doria. Questi ultimi lo tennero fino alla seconda metà del 1500.

Da dove deriva il nome Mornese

L’origine del suo nome è incerta. Secondo una prima accezione venne nominato per la prima volta Maurenico, anche se l’ipotesi più attendibile afferma che l’antico nome fosse Molanesio, una denominazione di origine latina e che ipotizza la sua fondazione da parte di mulattieri genovesi.

Il castello di Mornese e altre attrattive

Nonostante le sue piccole dimensioni, Mornese è ricco di attrattive e monumenti. Sono soprattutto legati alla cultura e alla religione. Celebre è il Castello, caposaldo del feudo mornesino. Legato alla famiglia Doria, risale al 1241 circa. L’aspetto richiama quello degli altri castelli genovesi del Monferrato ma con delle particolarità uniche. La pianta è legata all’edificio precedente e vi è inoltre la presenza di due torri. 

Un’altra tappa immancabile è la visita alla Parrocchia San Silvestro, inizialmente dedicata a San Nicola da Tolentino e successivamente a San Silvestro. La facciata fu costruita su progetto dell’Ingegnere Ferrari di Orsara. L’interno, invece, è ricco di dipinti ed è caratterizzato dall’arte floreale del pittore Luigi Gambini e dall’artigianato artistico dell’art nouveau.

Non mancano inoltre le numerose piazze, come Piazza Marconi, Piazza della Loggia, Piazza Fontana, Piazza Doria e la caratteristica Piazza del comune.

Il punto di maggiore attrazione e per cui i legami sono tuttora vivi, è l’istituto religioso delle Figlie di Maria Ausiliatrice, nato grazie a Santa Maria Domenica Mazzarello e San Giovanni Bosco. Inoltre, tra gli altri luoghi interesse legati all’ambito religioso, troviamo la cascina Valponasca. Luogo ove la Santa visse l’infanzia e l’adolescenza, oggi ristrutturata, è luogo di preghiera. Vi è anche il collegio, sede originaria delle Figlie di Maria Ausiliatrice, e il tempio, voluto dalle Figlie di Maria e consacrato nel 1972.

Con il tempo sono sorte altre numerose attrazioni, per i più giovani o per chi semplicemente vuole godersi del paesaggio in piena tranquillità. Ed è così che è nata anche a Mornese la Big Bench #57, di colore giallo e rosso vivo, a simboleggiare i rinomati vini del paese: il Cortese e il Dolcetto. Costruita sulla cima del Bricco Grosso e a pochi km dall’antico borgo, gode di una vista mozzafiato. Si affaccia sugli antichi borghi, il Santuario di Nostra Signora della Guardia, il Monte Tobbio ed il Monte Tugello. É perfetta sia per chi ama la pace, sia per chi ama lo sport. Proprio da qui parte un’escursione nella natura, a piedi o in bici, che dall’anello di Casaleggio Boiro prosegue fino a salire sul Monte Bricco Grosso, dove si trova la Panchina Gigante.

Riferimenti: sito del Comune di Mornese.

Categoria: Territorio
- REDAZIONE