Che differenza c’è tra enologo e agronomo

Dentro ad ogni bottiglia di vino non c’è solo uva, ma ci sono anche un lungo e approfondito studio, tanta esperienza sul campo, anni di lavoro e sacrifici. Molte figure professionali ruotano intorno al prodotto finito, e ognuna svolge un lavoro importante e insostituibile.

Per dar vita ad uno dei tesori di cui il Monferrato va più fiero, il vino, è necessaria la collaborazione di due figure fondamentali: l’agronomo e l’enologo. Per fare maggiore chiarezza abbiamo scelto di dar voce direttamente ai professionisti: Dario Aceto, uno tra i più giovani enologi del Monferrato che ha fatto della sua passione un lavoro e Alberto Pansecchi, agronomo di eccellenza della provincia di Alessandria, conosciuto anche a livello internazionale per il suo lavoro. 

L’enologo: chi è e cosa fa? 

Per capire meglio il ruolo di questa figura, l’aiuto e la presenza di Dario Aceto, sono state fondamentali. Dario ci ha spiegato che l’enologo è colui che “firma le bottiglie”, ed è fondamentale per la vinificazione ovvero il processo di trasformazione dell’uva in vino. In pratica potremmo dire che l’enologo è lo chef del vino

La figura dell’enologo segue tutte le fasi della produzione del vino, fondamentali per la riuscita di un prodotto di qualità: 

  • la produzione dell’uva 
  • la definizione del protocollo di lavorazione
  • la valutazione della qualità dell’uva 
  • l’imbottigliamento
  • la commercializzazione del prodotto, il quale deve risultare sicuro, eticamente corretto e gradevole.

L’agronomo: chi è e cosa fa? 

Seguendo le parole di Alberto Pansecchi, scopriamo invece che l’agronomo è colui che accompagna l’uva fino alla cantina. In questo processo è fondamentale la stretta collaborazione e il notevole rapporto di fiducia tra agronomo e agricoltore. È infatti molto importante per un agronomo confrontarsi con l’agricoltore oltre che con la natura e la pianta stessa, per ottenere un risultato eccellente. 

L’agronomo è indispensabile soprattutto durante i passaggi di stagione, soprattutto tra inverno e primavera e tra primavera e autunno, e tra le sue mansioni troviamo :

  • progettare i nuovi impianti basandosi sul tipo di terreno e sul clima 
  • far impiantare i nuovi vigneti 
  • indirizzare l’agricoltore riguardo a tutte le operazioni colturali dell’annata 
  • prevedere e indirizzare il risultato finale della qualità delle uve in funzione delle variabili dell’annata 
  • mantenere invariate negli anni le potenzialità produttive del vigneto.

Differenza tra enologo e agronomo

Come abbiamo visto, enologo e agronomo sono due figure differenti, ognuna con le proprie sfumature e i propri ambiti in cui esercitare. C’è però da dire che la collaborazione tra enologo e agronomo è fondamentale e di notevole importanza se si vuole creare un prodotto di qualità. 

La differenza tra enologo e agronomo? Possiamo azzardare dicendo che l’enologo sta all’agronomo come l’agronomo sta all’enologo: ossia sono due ruoli così interconnessi da essere inscindibili per una buona riuscita del processo di vinificazione.

Categoria: Territorio
- DARIO ACETO - ENOLOGO

Dario, enologo monferrino, è cresciuto nell'azienda agricola di famiglia, dove ha imparato i segreti del mestiere. Dopo gli studi universitari e una laurea in viticoltura ed enologia, ha cominciato a lavorare in varie cantine del territorio, tra cui l'azienda Cinque Quinti, di cui è un componente vitale. Giovane e appassionato del suo lavoro, segue tutto il processo di vinificazione, dalla pianta alla bottiglia!