La Grissia: il pane tipico del Monferrato

La Grissia monferrina è il pane tradizionale del Monferrato, lavorato a mano come una volta, è un prodotto talmente unico da meritare di essere raccolto nell’Arca del Gusto di Slow Food. La pagnotta della Grissia è un alimento che potete trovare solo nelle panetterie del Monferrato, dove che da secoli viene preparata rispettando le antiche ricette gelosamente custodite in famiglia.

La Grissia è ideale da gustare con una fetta di salame Muletta o con un cucchiaino di bagnetto verde, accompagnata da un buon calice di vino.

La grissia pane monferrino di antica tradizione

Il nome e soprattutto la forma di questo pane sono molto particolari, ed entrambi custodiscono una lunga tradizione alle spalle. Le origini del nome sono abbastanza misteriose, potrebbero derivare dal “grissino”, con cui condivide una certa croccantezza: infatti la grissia è un pane dalla crosta dura, anche se all’interno racchiude un morbido cuore. La forma della Grissia, con le sue eleganti volute, ricorda quella di due chiocciole o di due cigni di profilo, e rende inconfondibile il pane del Monferrato.

La ricetta tradizionale della Grissia monferrina

La Grissia viene preparata artigianalmente nelle migliori panetterie del Monferrato, ma nulla vieta che con un po’ di pratica non si possano ottenere ottimi risultati anche a casa. Vi proponiamo una ricetta leggermente rivisitata della grissia, perché sia più semplice da realizzare nelle vostre cucine.

Ingredienti per 4 pagnotte:

  • 600 grammi di farina
  • 300 ml di acqua
  • 1 cucchiaino di malto d’orzo
  • 7 grammi di lievito di birra
  • 30 ml di olio d’oliva
  • 12 grammi di sale

Procedimento:

  1. Con l’aiuto di una planetaria mescolare acqua, lievito e malto d’orzo, poi lasciate riposare 5 minuti.
  2. Aggiungete la farina, sale e l’olio poco alla volta, continuando a mescolare.
  3. Continuate a mescolare finchè l’impasto non risulta morbido, liscio non appiccicoso
  4. Spostate l’impasto su una spianatoia leggermente infarinata e coprite con un canovaccio.
  5. Fate lievitare per 45 minuti in un luogo riparato da correnti d’aria.
  6. Finita la prima lievitazione, dividete l’impasto in quattro parti per poter lavorare singolarmente.
  7. Spianate ogni parte in modo da ottenere una striscia lunga e stretta, poi arrotolate su se stessa le due estremità creando un cilindro.
  8. Lasciate lievitare per altri 45 minuti.
  9. Cuocete in forno per 50 minuti a 210 gradi in forno statico.
  10. Sfornate, lasciate intiepidire e gustate il vostro pane monferrino!
Categoria: Food&wine
- REDAZIONE