I Baci di Dama

I baci di dama sono un dolce tipico del Piemonte, due morbidi biscotti alle mandorle uniti da una squisita crema al cioccolato fondente. Ideali per finire il pasto accompagnando il caffè, possono essere una merenda golosa insieme a un buon tè.

Come mai si chiamano baci di dama?

I baci di dama prendono il nome dalla loro particolare forma: i due biscotti sono infatti uniti come due labbra chiuse in un dolce bacio. L’origine del dolce è controversa, alcuni dicono sia stato inventato a Tortona, cittadina vicino ad Alessandria, altri da un pasticcere di casa Savoia.

Secondo questa tradizione, in una sera di novembre del 1852 Re Vittorio Emanuele II chiese al cuoco di corte di preparargli un dolce nuovo e diverso dal solito. Il pasticcere aveva in dispensa solo mandorle, mandorle armelline (le mandorle amare che costituiscono il seme interno al nocciolo di albicocca), nocciole, zucchero e burro, ma riuscì a inventare per sua maestà i famosi biscottini.

La ricetta originale dei baci di dama

La ricetta non è difficile, bisogna però fare attenzione ai tempi di riposo dell’impasto e a quelli di cottura, se no si corre il rischio che i biscotti rimangano troppo bassi e non siano friabili. Gli ingredienti sono semplici e facili da reperire.

Per circa 20 baci di dama:
  • 150 g di farina 00
  • 150 g di mandorle pelate (o nocciole)
  • 150 g di zucchero semolato
  • 150 g di burro
  • 25 g di cioccolato fondente
  • 1 pizzico di estratto o polvere di vaniglia
Procedimento:
  1. Tostate le mandorle in forno a circa 180°, finchè non sono dorate
  2. Tritate le mandorle raffreddate fino a che non diventano una farina
  3. Unite la farina di mandorle, lo zucchero, la farina 00 e il burro
  4. Quando il composto è una pasta omogenea, avvolgetelo nella pellicola per alimenti e riponetelo in frigorifero per circa 2 ore
  5. Togliete il composto dal frigorifero e con le mani create delle palline
  6. Sistemate le palline ben distanziate in una teglia ricoperta di carta da forno, quindi lasciate raffreddare in congelatore per un’ora
  7. Cuocete i biscotti a 140° in forno ventilato o 160° in forno statico per 15-20 minuti
  8. Sciogliete il cioccolato a bagnomaria, poi con l’aiuto di un cucchiaino usatelo per unire due biscottini
  9. Lasciate solidificare il cioccolato e i baci sono pronti da gustare

Qualche curiosità sui baci di dama

I baci di dama possono essere preparati in molte varianti, per soddisfare i gusti di tutti: con il cacao, al cocco, farciti di marmellata e anche salati al formaggio.
Per una ricetta ancora più piemontese, le mandorle possono essere sostituite con nocciole delle langhe e il cioccolato fondente con la crema gianduja.

Categoria: Food&wine
- REDAZIONE