Ruchè: il vino e l’uva

Il Ruchè è un vino rosso italiano, tipico del Monferrato Astigiano, soprattutto di Castagnole Monferrato, Scurzolengo e dei comuni limitrofi.

Piacevole a tutto pasto, con primi ripieni e formaggi, anche a fine pasto si dimostra un ottimo compagno.

Ruchè: il vitigno e la sua origine

Dove viene fatto il Ruchè? Il vitigno arriva dalla Francia , dalla zona della Borgogna importato pare dai monaci cistercensi, che lo impiantarono in queste zone tra Portacomaro e Castagnole M.to dove, in un monastero benedettino (San Rocco) trovò particolare attitudine a vegetare rigogliosamente. Altra teoria pare dimostri scientificamente invece essere un incrocio tra Croatina e Malvasia di Parma

Il vino Ruchè

Degustiamo il Brachetto, vino del Monferrato

Le caratteristiche del vitigno:

  • predilige terreni asciutti ben esposti e calcarei
  • fine ed elegante con una particolare aromaticità tendente all’ammandorlato
  • acino tondeggiante a formare grappoli medio piccoli compatti

Lo riconosciamo per:

  • il colore rosso rubino non molto carico
  • il profumo speziato e floreale, particolarmente accattivante
  • il gusto armonico, gradevolmente morbido, asciutto, leggermente tannico, con buona aromaticità, unica, persistente

Come si serve il Ruchè? La temperatura di servizio va dai 14 ai 18 gradi, a seconda delle preferenze.

Le denominazioni più rinomate in Italia è quella piemontese del DOCG Ruchè di Castagnole Monferrato.

castagnole monferrato paesaggio vigneti

I vigneti di Castagnole Monferrato

Per saperne di più sul Ruchè e sulle sue varietà, per imparare a conoscere il vino e a degustarlo, vi segnaliamo l’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino. ONAV organizza corsi per aspiranti assaggiatori, per tutti coloro che vogliono scoprire l’arte della degustazione. 16 lezioni teoriche e pratiche vi accompagneranno nel mondo del vino e dei suoi profumi e sapori!

Categoria: Food&wine
- REDAZIONE